Tutti duvemu piglià qualchì rispunsabilità: Jamie Lee Curtis nantu à u True Lies Assault d'Eliza Dushku

Recentemente, Eliza Dushku si hè presentata è hà spartutu un contu di u coordinatore di stunt Joel Kramer chì l'ha molestata durante a ripresa di u film James Cameron di u 1994 True Lies. U cuntu hè statu dopu corroboratu da u so tutore legale in u settore Sue Booth-Forbes, chì hà dettu ch'ella hà riferitu u cumpurtamentu di Kramer versu Dushku di allora 12 anni è afferma ch'ella hè stata incuntrata cù sguardi bianchi è chì avia u sensu chì ùn eru micca dicendu à quella persona qualcosa chì ùn sapianu digià. Kramer hà nigatu l'allegazioni.



Avà, altri adulti da True Lies spartenu i so conti, è cumu devenu esse d'accordu cù a realisazione chì a so squadra hà fiascatu un zitellu è a mette in periculu - ch'elli sappianu o micca, hè terribule chì una tale cosa possa accadere. Dushku scrive chì Kramer l'avia cugnumata Jailbait è cun bravura a chjamava [di manera flirta malata davanti à l'altri. Ch'ella sia cunnisciuta o micca a misura di u so cumpurtamentu predatoriu, ci era chjaramente qualchì livellu d'intervenzione o azzione chì duverebbe esse statu fattu.



Cameron hà chjamatu Dushku curagiosu per avè parlatu è l'incidentu straziante, dicendu ch'ellu era ignuratu. Avia sappiutu, ellu rivindicazioni , ùn ci saria statu pietà.

Jamie Lee Curtis, chì hà interpretatu True Lies accantu à Arnold Schwarzenegger, hà scrittu un postu per u Huffington Post intitulatu Verità è bugie induve scrive, Ella avia spartutu quella storia cun mè in privatu pochi anni fà. Sò statu scunvurtu è tristitu allora è sò ancu oghje. Ottobre di l'annu scorsu, Curtis hà scrittu un articulu chjamatu Chiedendu per risponde à a vittima di Donna Karan di a donna chì s'era presentata annantu à Harvey Weinstein. Avà, dice, a storia d'Eliza ci hà avà svegliatu da u nostru sonnu di negazione à una nova realtà orribile. L'abusu di i zitelli.



In quantu à a necessità di prutege i zitelli in l'industria, Curtis scrive:

Tutti duvemu piglià una certa responsabilità chì a camaraderia sciolta è rilassata chì spartimu cù i nostri ghjovani artisti hà purtatu cun ella una supposizione sbagliata chì sò adulti in un mondu adultu, capaci di fà scelte per adulti.

Ella cunclude, A verità ci libererà à tutti. Speremu chì a libertà porti una nova capacità à chjamà l'abusu è, quandu quellu abusu si verifica, di avè azzione rapida è coerente, affinchì nimu ùn averà torna à aspettà 25 anni per chì a so verità sia intesa.



(imagine: 20th Television)